Skip to main content

Formazione a Distanza e Virtual Game

Si avvisano i Soci che nella Sezione Prossime Iniziative nell'Area Riservata è consultabile la scheda di presentazione dei Corsi di Formazione a Distanza e del Virtual Game Antiriciclaggio.

Compliance Antiriciclaggio: le novità del 2010, di Ranieri Razzante

(articolo pubblicato il 13 dicembre 2010 su "Compliance Normativa" n.1  rivista online di compliance)

Abstract

Si presentano le novità più rilevanti in materia di antiriciclaggio occorse nel 2010; si descrivono le responsabilità della funzione antiriciclaggio; si commentano le nuove istruzioni AUI ed il provvedimento di Banca d’Italia in materia di organizzazione, procedure e controlli interni degli intermediari. Si analizza il decreto legge n. 78/2010 sulla tracciabilità dei pagamenti e sulle altre modifiche al decreto antiriciclaggio; si presentano i contenuti del Libro Bianco di AIRA, l’Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio.

Parole chiave: compliance, antiriciclaggio, segnalazione operazioni sospette, Banca d’Italia, istruzioni AUI, decreto legge 78/2010, ; Cass. pen. Sez. II, Sent., (ud. 22-09-2010) 06-10-2010, n. 3576, AIRA, Il Libro Bianco dell’AIRA

La Compliance Antiriciclaggio

La compliance antiriciclaggio è un sicuro supporto anche per la gestione del “rischio reato” legato alle fattispecie previste nel decreto 231/01.

Gli adempimenti antiriciclaggio, però, per risultare utili, devono essere adottati ed efficacemente attuati anche secondo le linee guida proprie del decreto antiriciclaggio.

Gli adempimenti non costituiscono atti meramente amministrativi ma devono coinvolgere attivamente il personale. Non si attua il decreto 231/07 per evitare sanzioni, ma lo si attua per contrastare il riciclaggio ed il finanziamento del terrorismo. Il principio di proporzionalità deve essere “interiorizzato” perché se ne possa trarre vantaggio (per l’ente ma anche per i dipendenti, considerati i rischi di natura penale nei quali possono incorrere).

Leggi il seguito su "Compliance Normativa"

Solidarietà alla Dott.ssa Marcegaglia, al Dott. Montante e al Gen. Pollari

Il Presidente e l'Esecutivo AIRA esprimono affettuosa solidarietà alla Dottoressa Emma Marcegaglia e al Dottor Antonello Montante per le vili intimidazioni ricevute. A titolo personale il Prof. Razzante esprime viva soddisfazione per il proscioglimento del Generale Pollari dalle accuse infamanti che lo avevano riguardato.

Incontro di Fine Anno

Roma, 16 Dicembre 2010

Il Presidente dell'AIRA, Prof. Avv. Ranieri Razzante, ha il piacere di invitare i Coordinatori delle Commissioni di Studio ed i Membri del Comitato Scientifico al lunch augurale per il Nuovo Anno e per la presentazione delle attività del 2011.

L'incontro si svolgerà a Roma il giorno 16 dicembre 2010 (dalle 13.30 alle 17.00) presso l'Hotel dei Congressi, Viale Shakespeare, 27-29.

Per conferma contattare Claudia Deri deri@airant.it

Il Segretario Generale

Ministero dell'Economia e delle Finanze, Decreto 20 ottobre 2010, n. 203

DECRETO 20 ottobre 2010 , n. 203 (in G.U. n. 286 del 7 dicembre 2010)

Accordo AIRA e I&C Servizi - comunicazione e rassegna stampa

Nei giorni scorsi AIRA ha siglato un accordo di collaborazione con I&C Servizi, società che eroga servizi di comunicazione interna ed esterna ad aziende e pubbliche e private e che ha uffici a Milano e a Roma.
I&C Servizi garantirà la visibilità mediatica di tutte le iniziative promosse da Aira e offrirà una rassegna stampa quasi giornaliera con i principali articoli pubblicati da quotidiani e periodici in materia di banche, assicurazioni, finanza e temi affini.
Siamo dunque in grado di offrire ai nostri associati un altro servizio che consentirà loro di apprezzare ancor più il  sito e le  iniziative di AIRA.

Il Segretario Generale

Ferdinando Santagata

Osservazioni di AIRA al documento di consultazione CONSOB "Procedure e controlli antiriciclaggio per le società di revisione"

Il 7 dicembre 2010 CONSOB ha pubblicato le osservazioni giunte in relazione al documento di consultazione "Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l'utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo delle società di revisione iscritte nell'Albo speciale previsto dall'art. 161 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 e contemporaneamente iscritte nel Registro dei revisori contabili, ai sensi dell’art. 7, comma 2, del Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n. 231".
Tra le osservazioni pubblicate vi sono quelle di AIRA disponibili al seguente link

Comunicato ai Soci AIRA

Si comunica ai Soci AIRA che nella sezione riservata del sito è disponibile una rassegna stampa periodicamente aggiornata.

"Sulle tracce che lascia il denaro sporco" di Ranieri Razzante, Finanza&Mercati del 1 dicembre 2010

Tracciabilità dei pagamenti contro la mafia. Lo aveva capito, e lanciato come metodo investigativo, Giovanni Falcone. Un'arma a disposizione delle forze dell'ordine e della magistratura per combattere il fenomeno malavitoso che negli ultimi mesi ha ricevuto un importante impulso normativo. A cominciare dall'introduzione dei "conti dedicati" per le transazioni tra appaltatori e pubblica amministrazione.

UIF: Revisione del sistema di raccolta e gestione delle segnalazioni di operazioni sospette

fonte: Comunicato UIF del 25-11-2010

L'Unità di Informazione Finanziaria ha proceduto a una revisione del sistema di raccolta e gestione delle segnalazioni di operazioni sospette, al fine di migliorare la qualità delle segnalazioni stesse, assicurandone una maggiore uniformità e completezza.
Il nuovo sistema, che sarà operativo dal maggio 2011, prevede che gli scambi informativi con i soggetti segnalanti siano posti in essere per via telematica, tramite il portale della Banca d'Italia, sul quale i segnalanti dovranno preventivamente registrarsi secondo le istruzioni che saranno tempestivamente rese disponibili su questo sito.
L'utilizzo del canale telematico favorirà una maggiore tempestività nell'inoltro della segnalazione e nella rettifica di eventuali errori, lacune o incongruenze rilevati dalle procedure interne di controllo; sarà altresì possibile corredare la segnalazione stessa di documenti elettronici, garantendo al contempo la sicurezza e la riservatezza dei dati inviati.
Il nuovo schema di segnalazione sarà uguale per tutte le categorie di segnalanti (intermediari, professionisti, altri operatori), con diverso livello di dettaglio informativo in relazione alle peculiarità dei soggetti e dell'operatività segnalata.
Il contenuto della segnalazione si articolerà in: dati identificativi della segnalazione; elementi informativi in forma strutturata; elementi descrittivi in forma libera.
In linea con quanto previsto dall'art. 6, comma 6, lettera e-bis) del d.lgs. n. 231/2007, sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana un provvedimento disciplinante i contenuti della segnalazione.
Allo scopo di consentire ai segnalanti di avviare per tempo gli interventi di adeguamento necessari al recepimento delle novità dello schema segnaletico, si anticipano, negli allegati 1 e 2, le istruzioni sul contenuto della segnalazione e, negli allegati 3a e 3b, il relativo tracciato elettronico [nota1] (in formato XBRL).
Le istruzioni operative per l'accesso e l'utilizzo della procedura saranno tempestivamente fornite.

Nota 1

: Tale tracciato dovrà essere utilizzato dai segnalanti che si avvarranno della possibilità di predisporre autonomamente il file contenente la segnalazione (modalità upload) anziché ricorrere all'utilizzo del data-entry disponibile sul portale.

Condividi contenuti