Skip to main content

8 Maggio 2017 Diritto penale della globalizzazione: presentata la rivista oggi al senato con il presidente Grasso

E’ stata presentata oggi, al Senato, alla presenza del presidente Pietro Grasso, la rivista “Diritto penale della globalizzazione”, diretta da Ranieri Razzante, docente universitario e direttore del Centro Ricerche Eris e da Giovanni Tartaglia Polcini, consigliere giuridico del Ministero degli Esteri ed edita da Pacini.

Il presidente Grasso, oltre a chiedere un intervento forte sul piano del diritto contro la tortura, ha affermato come “Le organizzazioni criminali  agiscano nel contesto globale da soggetti, determinando concrete conseguenze socio-politiche “  e per questo -ha detto - “occorre un approccio geopolitico nel contrasto ai crimini emergenti, come quelli connessi ad uso e abuso del web, alle contraffazioni di prodotti ed alle frodi, tutti visti dalla criminalità organizzata come opportunità collegate alla globalizzazione”.

In un mondo sempre più piccolo e connesso, alla prese con la minaccia del terrorismo che non conosce frontiere e con un’economia liquida che ridisegna i confini secondo le proprie convenienze,  il periodico, quindi, intende favorire il dibattito giuridico nonché la condivisione e lo scambio di notizie, esperienze e problematiche per promuovere strumenti normativi in grado di fare fronte a questa realtà sempre più complessa.

"Contro il terrorismo e la criminalità internazionale sono troppi gli Stati che collaborano senza entusiasmo o che non collaborano affatto. Per questo serve un diritto penale globalizzato – afferma il condirettore Ranieri Razzante -. Un diritto speciale, studiato dai tecnici e dagli operatori per essere pronto ad adattarsi alle rapide evoluzioni del nostro tempo, con uno sguardo planetario e che sia mediato dalle istituzioni. Tra l'altro - conclude  Razzante - sarebbe un formidabile strumento che andrebbe ad aggiungersi alla maggiore integrazione a livello UE, tante volte auspicata, tra intelligence e polizie. Ed è questa la mission sia della rivista sia di Eris, il Centro ricerche nato dalla collaborazione di Aira ed Eurispes ”.

La rivista annovera nel suo comitato scientifico i più prestigiosi studiosi ed esperti italiani e nel suo sito www.dirittopenaleglobalizzazione.it offre non solo ai giuristi, ma anche a Istituzioni e forze dell’ordine e a chiunque sia interessato, una mole impressionante di approfondimenti e contributi, organizzati sia per aree geografiche sia per temi. Si tratta di riflessioni e documenti che restituiscono la complessità di una materia, in grado di investire innumerevoli aspetti della vita, in luoghi anche lontani, le cui conseguenze però finiscono con il coinvolgerci comunque.

“La piena condivisione internazionale di principi e di istituti giuridici di prevenzione e contrasto incontra ancora ostacoli – afferma Giovanni Tartaglia Polcini, l’altro condirettore – e in tal senso, la elaborazione scientifica del Diritto può molto, sia per propiziare il dibattito  che per attuare il consenso mirato all'armonizzazione internazionale tra ordinamenti, cooperazione giudiziaria e di polizia. Il nuovo diritto penale globalizzato capace di misurarsi con le sfide evolutive di oggi e di domani è l'elemento  distintivo della neonata rivista”.

In allegato editoriale e copertina della rivista

Rassegna stampa

AllegatoDimensione
1-Il-Diritto-penale-della-globalizzazione-.pdf32.24 KB
41860 Copertina Globalizzazione.pdf534.11 KB